Come fare la salsiccia in casa

Come fare la salsiccia in casa: 9 ricette per tutti i gusti

La salsiccia è uno dei prodotti più amati dagli italiani e non solo. In commercio si trovano di diversi tipi, ma la salsiccia fatta in casa è sempre la migliore.

Perchè preparare la salsiccia in casa?

Vediamo insieme i motivi per cui vale la pena prepararla:

1) La salsiccia fatta in casa è più fresca e saporita. Viene preparata con ingredienti freschi e di qualità, mentre quella acquistata già pronta spesso contiene conservanti e additivi.

2) È un piatto versatile: si può cucinare in diversi modi, a seconda dei gusti e delle occasioni. Può essere servita come secondo piatto o come antipasto, inoltre è ottima anche per farcire panini e bruschette.

3) È un piatto economico: preparare la salsiccia in casa costa meno che comprarla già pronta. Inoltre, se si utilizzano ingredienti di qualità, il risultato sarà molto più buono.

4) Si può personalizzare: a seconda degli ingredienti che si utilizzano, la salsiccia può avere un sapore diverso. Si può aggiungere del peperoncino per renderla piccante, oppure del formaggio per renderla ancora più gustosa. Insomma, la salsiccia fatta in casa può essere personalizzata a proprio piacimento!

5) È un piatto sano: se si utilizzano ingredienti freschi e naturali, la salsiccia fatta in casa è un piatto molto salutare. Inoltre, è possibile ridurre il consumo di sale aggiungendo altri aromi naturali, come l’aglio o il rosmarino.

Preparare la salsiccia in casa è quindi un’ottima idea, sia perché il risultato sarà molto più buono che acquistandola già pronta, sia perché si tratta di un piatto economico e sano. Provare per credere!

Come conservare la salsiccia fatta in casa

Come fare la salsiccia in casa
Come fare la salsiccia in casa

La salsiccia fatta in casa è un prodotto delicato e deve essere conservato con cura. Se non si seguono alcune semplici regole, infatti, la salsiccia può facilmente deteriorarsi e diventare un cibo pericoloso per la salute.

Curiosità: sai cos’è la frollatura della carne?

Innanzitutto, è importante sapere che la salsiccia fatta in casa deve essere consumata entro 2-3 giorni dalla sua preparazione. Oltre questo periodo, infatti, il rischio di contaminazione da batteri e altri microrganismi aumenta considerevolmente.

Per conservare la salsiccia fatta in casa in modo corretto, quindi, è necessario metterla in un contenitore ermetico e riporla in frigorifero. In questo modo si eviterà che la salsiccia entri a contatto con altri alimenti e si mantenga fresca più a lungo.

Se non si ha a disposizione un frigorifero, la salsiccia può essere conservata anche in freezer. In questo caso, però, è importante avvolgerla prima in pellicola trasparente o in un sacchetto per alimenti, in modo da evitare che si secchi e si deformi.

Una volta che la salsiccia è stata congelata, poi, è importante consumarla entro 3-4 mesi, altrimenti il rischio di contaminazione da parte dei batteri aumenta notevolmente.

Stagionatura delle salsicce fatte in casa

La stagionatura delle salsicce fatte in casa è un processo molto importante per ottenere un sapore e una consistenza ottimali.

Se non stagionaste correttamente le vostre salsicce, potreste non riuscire a ottenere il sapore e la texture che state cercando. Inoltre, se non lo fate correttamente, potreste anche mettere a rischio la vostra salute, quindi è importante seguire alcune regole fondamentali.

La stagionatura delle salsicce fatte in casa può sembrare un processo complicato, ma in realtà è abbastanza semplice. Tutto quello che dovete fare è seguire alcuni passaggi fondamentali e avere un po’ di pazienza. Non dimenticate, la stagionatura è un processo lento e graduale, quindi non aspettatevi risultati immediati. Ma ne varrà la pena, quando finalmente assaggerete le vostre salsicce fatte in casa perfettamente stagionate.

Ecco alcuni consigli per la stagionatura delle salsicce fatte in casa:

1. Scegliete le giuste carni

Per ottenere le migliori salsicce possibili, dovrete utilizzare le carni più adatte. Vi consigliamo di usare carni magre come il maiale o il vitello, ma potete anche utilizzare altri tipi di carne come l’agnello o il pollame. Le carni grassi come il manzo tendono ad essere meno ideali perché rendono le salsicce più grasse e meno saporite.

2. Aggiungete gli aromi giusti

Un altro aspetto importante della preparazione delle salsicce è l’aggiunta degli aromi.

Potete aggiungere diverse spezie e aromi a seconda del vostro gusto personale, ma alcuni ingredienti sono essenziali per ottenere un sapore autentico.

Ad esempio, l’aglio e il pepe nero sono due ingredienti che non dovrebbero mai mancare in una ricetta di salsicce fatte in casa. Se volete renderle piccanti, potete aggiungere anche del peperoncino fresco o in polvere.

3. Fate attenzione alla temperatura

Un altro aspetto importante da considerare durante la stagionatura delle salsicce fatte in casa è la temperatura.

Il processo di stagionatura richiede infatti temperature specifiche per funzionare correttamente e non danneggiare le carni.

La temperatura ideale per la stagionatura delle salsicce fatte in casa si aggira intorno ai 10-15°C. Questo significa che dovrete riporre le vostre salsicce in ambienti freddi come il frigorifero o il congelatore.

Se non disponete di queste temperature specifiche, potreste anche mettere le vostre salsicce all’esterno durante la notte, purché faccia abbastanza freddo.

4. Lasciatele riposare per almeno 24 ore

Una volta che avrete messo le vostre salsicce nell’ambiente adatto con la temperatura giusta, dovrete lasciarle riposare per almeno 24 ore prima di cucinarle.

Questo periodo di tempo è necessario affinché le carni possano assorbire gli aromi e i sapori degli ingredienti aggiunti e diventare morbide e saporite. Dopodiché saranno pronte per essere cucinate come desiderate!

Salsiccia fatta in casa: quanto sale mettere?

Per ottenere una salsiccia perfetta, è importante usare il giusto tipo di sale. Il sale, infatti, non serve solo a insaporire, ma ha anche una funzione conservante.

Quando si prepara la salsiccia in casa, quindi, è importante non dimenticare di aggiungere il sale, altrimenti la carne potrebbe deteriorarsi rapidamente.

In commercio esistono diversi tipi di sale, ma quello più adatto per la salsiccia è il sale da cucina. Questo sale è finemente macinato e ha un sapore delicato, che si sposa bene con gli altri ingredienti della salsiccia.

Se non avete il sale da cucina, potete usare anche il sale marino integrale o il sale grosso.

Quanto sale mettere nella salsiccia? La dose dipende dal tipo di carne che si usa e dal gusto personale. In generale, per ogni chilo di carne si aggiunge un cucchiaino (5-6 grammi) di sale. Se la carne è molto magra, si può aggiungere un po’ di sale in più. Se invece la carne è molto grassa, si può aggiungere un po’ meno sale.

A proposito, hai mai cucinato la salsiccia e patate fatta con la friggitrice ad aria?

Ricette per salsicce: ce n’è per tutti i gusti

Nei capitoli seguenti riportiamo molte ricette per preparare le proprie salsicce fatte in casa!

Eccole riassunte in ordine: prima di tutto ecco le ricette suddivise per tipo di carne:

E poi suddivise per regione di origne:

Iniziamo!

 

Salsiccia di manzo fatta in casa

La salsiccia di manzo è una delle preparazioni più semplici e versatili che ci siano: si tratta infatti di un impasto a base di carne macinata di manzo e spezie, che può essere cotto in diversi modi. Le salsicce di manzo possono essere infatti grigliate, fritte o cotte al forno, e sono sempre molto apprezzate da grandi e piccini.

Per preparare delle buone salsicce di manzo fatta in casa non occorre essere dei grandi chef: bastano infatti pochi ingredienti e un po’ di tempo. La ricetta che vi proponiamo è molto semplice e alla portata di tutti, e vi assicuriamo che i risultati saranno eccezionali!

Ingredienti:

  • 500g di carne macinata di manzo (preferibilmente magro)
  • 1 cucchiaio di sale
  • 1 cucchiaino di pepe
  • 1 cucchiaino di paprika dolce
  • 1 cucchiaino di aglio in polvere
  • 1/2 cucchiaino di semi di cumino
  • 1/4 di bicchiere di vino rosso
  • olio extravergine d’oliva q.b.

Preparazione:

1) In un contenitore capiente mescolate la carne macinata con il sale, il pepe, la paprika dolce, l’aglio in polvere e i semi di cumino. Aggiungete quindi il vino rosso e mescolate bene il tutto, finché l’impasto non risulterà omogeneo.

2) Prendete ora delle porzioni d’impasto e date loro la forma che preferite: potete fare delle salsicce rotonde o dei classici “salami”, oppure dare all’impasto la forma che più vi aggrada. Adagiate quindi le salsicce su un tagliere coperto da carta da forno, facendole distanziare bene tra loro.

3) Mettete a scaldare un tegame antiaderente con un filo d’olio extravergine d’olio, quindi fatevi cuocere le salsicce per circa 10 minuti a fiamma moderata, girandole spesso in modo che si dorino uniformemente su tutti i lati.

4) Una volta cotte, lasciate intiepidire le salsicce prima di servirle: potete gustarle così come sono o accompagnate da un contorno di verdure fresche o da un insalata mista

Salsiccia di cinghiale fatta in casa

La salsiccia di cinghiale è una delle prelibatezze della cucina italiana. Seguite questa ricetta e godetevi il sapore autentico della salsiccia di cinghiale fatta in casa.

Ingredienti:

  • 1 kg di carne di cinghiale macinata
  • 500 g di pancetta macinata
  • 1 cipolla tritata
  • 2 spicchi d’aglio tritati
  • 1 bicchiere di vino rosso
  • 2 cucchiai di sale
  • 1 cucchiaino di pepe
  • 1 cucchiaino di origano
  • 1/2 cucchiaino di noce moscata
  • 1/4 di litro di olio d’oliva extra vergine

Preparazione:

In un contenitore mescolate la carne di cinghiale macinata con la pancetta macinata, la cipolla tritata, l’aglio tritato, il vino rosso, il sale, il pepe, l’origano, la noce moscata e l’olio d’oliva extra vergine. Mescolate bene gli ingredienti e lasciate riposare per almeno 2 ore in frigorifero.

Una volta che la salsiccia è stata preparata, potete decidere se cuocerla subito o se farla stagionare per qualche giorno. Se decidete di stagionarla, mettetela in un contenitore ermetico e riponetela in frigorifero per almeno 3 giorni. Questo processo le darà un sapore ancora più intenso.

Quando decidete di cuocerla, avvolgetela in un foglio di carta da forno e mettetela in forno preriscaldato a 200°C per circa 45 minuti. Servite calda accompagnata da un contorno di patate lesse o fritte.

Salsiccia di pollo fatta in casa

Se amate il sapore della salsiccia di pollo ma non volete comprarla già pronta, ecco una ricetta semplice e deliziosa per prepararla in casa. Queste salsicce sono ideali per accompagnare un buon piatto di pasta o per farcire un panino, oppure potete servirle come secondo piatto accompagnate da contorni di verdure.

Ingredienti:

  • 500g di macinato di pollo
  • 1/2 cucchiaino di sale
  • 1/4 cucchiaino di pepe
  • 1 cucchiaio di prezzemolo tritato
  • 1 cucchiaio di aglio in polvere
  • 1 cucchiaino di paprika dolce
  • 1 cucchiaio di olio d’oliva

Preparazione:

In una ciotola mescolate tutti gli ingredienti, quindi aggiungete il macinato di pollo e l’olio d’oliva. Mescolate bene con le mani fino a ottenere un composto omogeneo.

Prendete delle piccole porzioni di impasto e formate delle salsicce della lunghezza e dello spessore che preferite.

Cuocete le salsicce in una padella antiaderente a fuoco medio-basso, girandole di tanto in tanto, finché non saranno ben dorate su tutti i lati. Servite calde!

Salsiccia di tacchino fatta in casa

La salsiccia di tacchino è una ricetta molto versatile: può essere infatti servita in molti modi diversi. Può essere accompagnata da verdure grigliate o al forno, oppure da un contorno di insalata fresca. Inoltre, può essere utilizzata per farcire panini o bruschette.

Ingredienti

  • 500 g di carne di tacchino macinata
  • 1 cipolla
  • 1 spicchio d’aglio
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • sale e pepe q.b.

Procedimento:

1) In una ciotola capiente, mettere la carne macinata di tacchino, la cipolla tritata, l’aglio tritato, l’olio extravergine d’oliva, il sale e il pepe. Mescolare bene tutti gli ingredienti con le mani, fino a ottenere un impasto omogeneo.

2) Prendere delle piccole porzioni di impasto e formare delle polpettine della grandezza desiderata. Se si vogliono fare delle salsiccette, invece, prendere porzioni più grandi e formare dei rotolini della lunghezza desiderata.

3) Cuocere le polpettine o le salsiccette in un tegame antiaderente con un filo d’olio per circa 10 minuti, girandole diverse volte, fino a quando non saranno ben dorate su tutti i lati. Se si preferisce, si possono anche cuocere in forno a 200°C per circa 15-20 minuti.

4) Servire le polpettine o le salsiccette calde, accompagnate da verdure grigliate o al forno, oppure da un contorno di insalata fresca.

Salsiccia calabrese fatta in casa

Preparare la salsiccia calabrese in casa è più semplice di quello che pensiate.

Vi bastano solo un po’ di carne macinata, del sale e del pepe rosso per aromatizzarla. Lavate accuratamente le budella del suino prima di iniziare e lasciate riposare il composto in frigo per mezz’oretta o un’ora.

Dopodiché, insaccate la carne nel budello e punzecchiatela con uno stuzzicadenti o con una forchetta allargata. Cuocete subito oppure conservate la salsiccia al fresco per circa un mese.

Salsiccia sarda fatta in casa

Ingredienti:

  • 1 kg di salsicce fresche di maiale
  • 250 ml di vino bianco secco
  • 2 spicchi d’aglio
  • Prezzemolo tritato q.b.

Procedimento:

Mettere in un pentolino l’aglio intero con le salsicce, coprire con il vino e far cuocere a fuoco bassissimo per circa 1 ora e mezza/ 2 ore, girando ogni tanto le salsiccie nella marinata, finché non saranno ben cotte.

A questo punto togliere l’aglio e aromatizzare con del prezzemolo tritato. Fate raffreddare completamente prima di gustarle

Salsiccia siciliana fatta in casa

La Salsiccia siciliana fatta in casa è una ricetta tradizionale che si può preparare utilizzando diversi tipi di carne suina. I maiali allevati nella zona dell’Etna sono particolarmente adatti per la preparazione di questo piatto, in quanto la carne è molto saporita.

Ingredienti:

  • carne di maiale macinata
  • aglio
  • sale
  • pepe
  • vino rosso
  • prezzemolo
  • finocchietto selvatico.

Preparazione

La preparazione è molto semplice: basta mescolare tutti gli ingredienti insieme e lasciarli riposare in frigorifero per almeno 2 ore.

Poi si forma la salsiccia a mano e si cuoce in un tegame con un filo d’olio. La salsiccia siciliana fatta in casa è un piatto molto saporito e versatile: può essere servita come secondo piatto o come antipasto.

Salsiccia lucana fatta in casa

Nella preparazione della salsiccia lucana, la carne viene condita sale e finocchietto (o peperone), quindi inserita in budella per asciugare. Questa tradizionale produzione italiana avviene principalmente durante il periodo invernale, poiché le temperature rigide favoriscono l’essiccatura del prodotto.

L’impasto della salsiccia è composto da spalla e altri tagli di pregio di maiale (preferibilmente razza nera Apulo-calabrese), grasso duro, filetto o coscia; a volte anche questi ultimi due sono riservati alla produzione di Soppressata.

Le carni devono essere tagliate a punta di coltello per evitare che il grasso si scoglia troppo presto ed eventualmente rovini l’insaccato. L’essiccatura su pertiche di legno può durare circa 20-30 giorni: un processo lungo che conferisce alla salsiccia lucana le sue tipiche proprietà organolettiche une sapore intenso.

Una volta essiccata, la salsiccia si può conservare in diversi modi: sottovuoto ,sott’olio o sugna . Quest’ultimo metodo è preferito per mantenere freschezza e profumo delicato ed inconfondibile.

Salsiccia luganega fatta in casa

Per preparare la salsiccia luganega si procede come segue: in una ciotola si mescolano carne macinata di maiale, aglio, pangrattato, sale e pepe. Si unisce 1 uovo e si amalgama bene il tutto.

Si prende un po’ di impasto alla volta e si fa passare attraverso un ferretto per formare dei piccoli tubetti.

La salsiccia così ottenuta viene fatta cuocere in acqua bollente salata per circa 20 minuti, quindi scolata e saltata in padella insieme a burro o olio extra vergine d’oliva finché non sarà dorata da entrambi i lati.